Al MAS - Museo d’Arte dello Splendore di Giulianova, espone: Le Figure del '900 italiano - Complesso di Maria SS.ma dello Splendore - Viale dello Splendore, 121 - 64021 Giulianova (Te).

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Al MAS - Museo d’Arte dello Splendore di Giulianova, espone: Le Figure del '900 italiano

Museo > Figure del '900 italiano

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
L’ampia spiaggia a nord del porto, dotata di ogni tipo di struttura turistica. Giulianova - Una limpida distesa blu che incontra il cielo all’orizzonte, la natura dirompente della Regione Verde d’Europa alle spalle, il profumo intenso di fiori, e ancora palme, pini e oleandri a incorniciare un quadro di rara bellezza. Così si mostra agli occhi di un turista ammaliato il litorale giuliese, lungo e ben attrezzato, con un eccellente porto turistico.
 
MAS - Museo d'Arte dello Splendore.

Eventi al MAS - Museo d'Arte dello Splendore Giulianova () - Italy


Figure del
'900 italiano
Al MAS, Museo d’Arte dello Splendore di Giulianova, dal 26 luglio al 7 settembre 2003, “Figure del '900 Italiano", presentazione di Enzo Bilardello, curatore della mostra, Giovanni Battista Tattoni.
Il saluto di Davide Cefis, Direttore della Comunicazione della Banca Nazionale del Lavoro
Quest’anno la Banca Nazionale del Lavoro celebra i sui novant’anni di vita dopo aver accompagnato, di fatto, lo sviluppo economico, sociale e culturale del nostro Paese nell’arco del Novecento, il cosiddetto “secolo breve”.
In questi novant’anni BNL, prima come banca del Ministero del Tesoro, dello Stato e poi dal 1998 come banca privata, o meglio del Mercato, ha mantenuto inalterate le proprie radici e la propria vocazione di impresa fortemente orientata al sostegno della società civile, delle sfide che la caratterizzano, siano esse di natura economica, sociale o culturale.
In questo senso, tra i progetti culturali alla cui realizzazione la Banca ha offerto il proprio contribuito, acquista un particolare rilievo il prestito di quattro importanti opere tratte dalla propria collezione a questa mostra sul Novecento Italiano allestita nelle sale del Museo dello Splendore di Giulianova, nonché il sostegno economico per una più ampia conoscenza di questo evento da parte del pubblico. Un contributo attivo, ma anche una testimonianza ulteriore del costante impegno di BNL alla valorizzazione delle più alte ed innovative espressioni artistiche italiane del ventesimo secolo e di questi primi anni duemila.
È con rinnovato orgoglio, quindi, che BNL dà voce a questo messaggio con quadri di Giorgio Morandi, Antonio Donghi, Gino Severini e Ottone Rosai, grandi maestri che hanno determinato il tenore della cultura italiana contribuendo, non di rado, ad affermare l’immagine dell’arte italiana all’estero.
Con questo evento la Banca sente di poter contribuire ad un parziale riesame dell’arte figurativa della prima metà del Novecento, consentendo al pubblico di ammirare dipinti, raramente esposti, di maestri che hanno caratterizzato il secolo scorso.
Il Novecento italiano è oggetto di riconsiderazione profonda e BNL è lieta di aver facilitato la realizzazione di questa esposizione, anche perché i valori consolidati dell’arte riflettono i valori e le scelte durevoli della nostra Banca.
 
                                                               Davide Cefis
                              Direttore Comunicazione BNL
Il Museo d'Arte dello Splendore, museo di arte contemporanea, occupa gran parte dell'ex Convento-Studentato di Giulianova (Te) - Italy, opportunamente restaurato, ed è stato inaugurato il 27 luglio 1997. 
Il Museo è composto da tre piani espositivi: 
Il piano terra è adibito alle mostre temporanee; dalla sua inaugurazione sono stati presentati importanti eventi espositivi come "Aligi Sassu e il Sacro" (27 luglio 1997), "Giorgio Morandi pittore ed incisore" (14 dicembre 1997), "Robert Carrol" (19 aprile 1998), "i Cascella, cinque generazioni di artisti abruzzesi" (4 luglio 1998) e "La Bibbia" di Marc Chagall (13 dicembre 1998). Oltre alle mostre temporanee si svolgono, in un ampio salone, conferenze e concerti. 
Il secondo piano, inaugurato il 14 dicembre 1997, ospita la prima parte della collezione permanente del Museo stesso; suddivisa in otto sale monografiche, comprende un vasto numero di opere di altrettanti artisti italiani e spagnoli, di rilevante importanza nella storia dell'arte del dopoguerra. I dipinti esposti sono di Aligi Sassu, Franco Francese, Giuseppe Banchieri, Armando De Stefano, Alberto Gianquinto, Gaston Orellana, Carlos Mensa e José Ortega. 
Con l'apertura del terzo piano,  il 4 ottobre 1998, è stata completata la collezione permanente con l'esposizione "Nel segno dell'immagine", cento opere di pittura e scultura di ottantacinque artisti italiani e stranieri, curata da Alfredo Paglione. Le opere esposte costituiscono, indubbiamente, una vasta panoramica dell'arte figurativa degli ultimi quarant'anni, in grado di documentare alcune delle tendenze più significative, attraverso diverse tecniche ed espressioni. Fra gli artisti presenti Ugo Attardi, Claudio Bonichi, Ennio Calabria, Arturo Carmassi, Mimmo Germanà, Giancarlo Ossola, Ruggero Savinio, Mario Schifano, Renzo Vespignani e, tra gli scultori, Floriano Bodini, Pietro Cascella, Lopez Garcia, Giuliano Vangi. Una collezione tutta da vedere, che ha arricchito notevolmente il patrimonio artistico e culturale della nostra cittadina.
 

Giulianova turistica. Ammirevole e splendente città di mare, si estende lungo la fascia costiera per circa 5 km e ogni anno risorge tra il Tordino e il Salinello sempre più energica e scintillante per accogliere con ancora più onore e impegno i tantissimi turisti che visitano Giulianova e il suo territorio.

Venirci a trovare è davvero semplice. Giulianova è nel bel mezzo d’Italia, a Nord di un Abruzzo costiero dalle innumerevoli risorse turistiche e ambientali. Giulianova si raggiunge via Autostrada A 14 - uscita Giulianova, oppure in treno con la comoda stazione ferroviaria, o ancora in aereo atterrando nel moderno Aeroporto d’Abruzzo di Pescara, Giulianova è distante appena 50 chilometri.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu